Cover Campaign Inspiration
X

Close

Swipe to the left

10 modi per migliorare il tuo metabolismo durante la parte più fredda dell'anno

Stampa
10 modi per migliorare il tuo metabolismo durante la parte più fredda dell'anno
By Frederik Gammelby Jensen 15 days ago 55 Views

Marie Parks

Aria fredda, strade scivolose, cieli grigi ... ti fanno venire la voglia di andare in palestra o correre all’aria aperta? Probabilmente no! Durante la parte più fredda dell'anno, può essere più difficile uscire, preferendo stare comodi sotto la coperta che ti protegge dalle intemperie.

Per alcuni, il non voler uscire, combinato con le tentazioni deliziose dalle vacanze, può essere la causa di un aumento di peso e la letargia. Ma, non temere. Ecco 10 suggerimenti che possono aiutarti a migliorare il tuo metabolismo questo stagione fredda.


Come migliorare il metabolismo durante la parte più fredda dell'anno

  1. Fare la colazione. Una ricca colazione ti aiuta a rimanere energico e concentrato durante il giorno. Le persone che non fanno la colazione sono meno attive di quelle che la fanno.1
  2. Bere tanta acqua. Certo, l'acqua è necessaria a tutte le funzioni della vita ... Rimanere idratati è importante per favorire il metabolismo della combustione dei grassi e per preservare le proteine che rinforzano i muscoli.2
  3. Fare Esercizio fisico - almeno un po’. Sequenze brevi di esercizio fisico intenso possono migliorare la tua capacità di bruciare le calorie, rispetto alle sessioni più lunghi e semplici. Inoltre, il muscolo stesso aumenta il tuo tasso metabolico, quindi aggiungi anche qualche esercizio per i muscoli. Non hai accesso ad una palestra o ai pesi? Prova a usare le conserve in barattoli, le bottiglie d’acqua, le valigie, le confezioni di zucchero o farina da 1 litro e persino i bambini! Sii creativo.
  4. Mangiare spesso. Mangiare piccoli pasti o spuntini ogni 3-4 ore mantiene attivo il tuo metabolismo durante il giorno, rispetto alla consumazione di pasti abbondanti con periodi di tempo più lunghi tra di loro (che in realtà rallenta il metabolismo perché il tuo corpo entra in modalità di immagazzinamento). È altrettanto importante non saltare alcun pasto!
  5. Rendere più interessanti i pasti. Aggiungendo un po’ di brio ai tuoi pasti può aumentare anche il tuo metabolismo. Vai con il peperoncino!
  6. Mangiare più proteine. Sostituire alcuni dei tuoi pasti o spuntini pieni di grassi o carboidrati con delle proteine. Ciò può aiutare a sostenere i muscoli che bruciano i grassi. Come ulteriore beneficio, la digestione delle proteine brucia più calorie che non la digestione dei grassi e dei carboidrati. Optare per le proteine magre come il pollo, il tonno, gli albumi, ecc.
  7. Aggiungere il caffè. Il caffè ha dimostrato di fornire molti benefici per la salute se consumato con moderazione, in parte a causa del suo contenuto di caffeina. La caffeina aiuta ad accelerare il metabolismo e fornisce l'energia e la concentrazione necessarie per una sessione di allenamento efficace.
  8. Rimanere al fresco. Mantenere la camera da letto più fresca durante il sonno aumenta la percentuale di tessuto adiposo marrone (un tipo di grasso che funziona come i muscoli, contribuendo alla combustione delle calorie) .3
  9. Dormire a sufficienza. Parlando della camera da letto ... periodi di sonno più brevi sono associati a delle scelte alimentari malsani e ad un aumentato rischio di sovralimentazione.4
  10. Continuare a sorridere. Quando sei stressato, produci livelli più alti dell'ormone cortisolo che fa immagazzinare il grasso. Sorridere può aiutare ad abbassare i livelli di stress per te e per chi ti circonda! 5

Va benissimo avere dei momenti di pigrizia e la voglia di rilassarti con un buon libro, ma seguire questi suggerimenti nella tua routine quotidiana può aiutarti a evitare un crollo durante la stagione fredda


Riferimenti:

  1. Proc Nutr Soc. 2015 Dec 14:1-9.
  2. Eur J Clin Nutr. 2003 Dec;57 Suppl 2:S69-74.
  3. Diabetes. 2014 Nov; 63(11): 3686–3698.
  4. Int J Obes (Lond). Author manuscript; available in PMC 2014 Mar 14.
  5. Psychol Sci. 2012;23(11):1372-8.