Cover Campaign Inspiration
X

Close

Swipe to the left

È possibile ridurre al minimo lo stress ossidativo con un sonno adeguato?

Stampa
È possibile ridurre al minimo lo stress ossidativo con un sonno adeguato?
By Frederik Gammelby Jensen 11 days ago 86 Views

Di Maylin Rodriguez-Paez, RN


Perdi sonno? Secondo un nuovo studio potresti anche perdere le cellule cerebrali, [1].


Non prendere il sonno per scontato

Perdere un paio di ore di sonno di tanto in tanto probabilmente non ti farà del male, ma la privazione cronica del sonno potrebbe potenzialmente danneggiare il tuo cervello.

Inoltre, recuperare il sonno perso durante il fine settimana probabilmente non sarà di grande aiuto, soprattutto se la privazione del sonno è cronica. L'idea è di dormire bene ogni giorno.

In alcuni casi, il sonno non è avviene facilmente. L'insonnia è una condizione piuttosto comune che può avere conseguenze pericolose. Cambiamenti nello stile di vita e integratori possono essere utili.



La melatonina riduce lo stress ossidativo e aiuta a dormire

Prima di prendere i sonniferi, perché non provare qualcosa di naturale prima? A lungo termine potresti stare meglio poiché esiste una ricerca che collega le benzodiazepine (una classe di sonniferi) a disturbi cerebrali come la demenza [2].

La melatonina è un'opzione. Riduce il tempo necessario per addormentarsi e migliora la qualità del sonno [3-4]. Inoltre, vi sono ricerche che dimostrano che la melatonina è benefica per il cervello. In realtà, agisce come un antiossidante del cervello e protegge dalle malattie neurodegenerative.

La melatonina protegge dalla beta amiloide, una proteina anomala implicata nella malattia di Alzheimer [5] È stato anche dimostrato che migliora la funzione cognitiva se assunto per lunghi periodi di tempo (15-60 mesi) [6].

Considerando i benefici per il sonno e la funzione cognitiva della melatonina, ha senso provarlo.


In Conclusione

La privazione cronica del sonno potrebbe alla fine raggiungerti. È nel tuo miglior interesse dormire almeno 7–8 ore al giorno. Se stai cercando altri suggerimenti per migliorare il tuo sonno, dai un'occhiata al nostro protocollo sull'insonnia, che sarà molto più dettagliato!


Riferimenti

  1. Available at: http://www.uphs.upenn.edu/news/News_Releases/2014/03/veasey/. Accessed March 19, 2014.
  2. BMJ. 2012 Sep 27;345:e6231.
  3. Psychopharmacology. 2010; 212: 379-91.
  4. Integrated Blood Pressure Control. 2012; 5: 9-17.
  5. Ann N Y Acad Sci. 2005 Nov;1056:430-49.
  6. Am J Neurodegener Dis. 2012;1(3):280-91.