Come rispettare i buoni propositi per l’anno nuovo o per la metà dell’anno

Lo sapevi che da novembre a gennaio, in media una persona ingrassa di 1/2 chilo - 1 chilo?1-3 Anche se questo potrebbe non sembrare tanto, molti di noi non perdono questo peso aggiuntivo durante i mesi primaverili ed estivi4 Basti pensare che un modesto aumento di 1/2 chilo - 1 all’anno su un periodo di 10 anni può portare a un eccesso di 5–10 chili!

Gennaio è un momento molto popolare per molti che desiderano ricominciare da capo. Una nuova ricerca di ComRes ha scoperto che i primi quattro buoni propositi per l'anno nuovo sono tutti basati sulla salute.

I buoni propositi più popolari sono:

  1. Fare più esercizio, con quasi 2 britannici su 5 (38%) che si impegnano a fare questo cambiamento
  2. Perdere peso, con 1 su 3 (33%) che aspira a perdere qualche chilo nel 2019
  3. Mangiare in modo più sano, quasi un terzo (32%)
  4. Adottare un approccio più attivo per la propria salute, con 1 inglese su 7 (15%) che desidera migliorare il proprio stile di vita
  5. Smettere di fumare, dormire di più e ridurre lo stress fanno parte della top 10 degli obiettivi del 2019

Nonostante tanti di noi si impegnino a perseguire questi ambiziosi obiettivi, tale impegno può spesso essere di breve durata. Gli esperti del settore avvertono che nel nuovo anno molti non manterranno i buoni propositi e la maggior parte degli impegni presi saranno disattesi entro il secondo venerdì di gennaio, secondo uno studio di Strava. E quindi, man mano che ci avviciniamo alle vacanze di primavera ed estate, vediamo aumentare i buoni propositi di metà anno, in un tentativo di riprendere quelli fatti a Capodanno.

Non bisogna adottare un approccio "o tutto o niente"

Questo approccio "o tutto o niente" a uno stile di vita sano è imperfetto e potenzialmente pericoloso in quanto può portare a una perdita di peso insostenibile e conseguenze più gravi per la salute. Sebbene l'effetto sul nostro girovita sia ovvio, quello che è meno noto è l'effetto che l'eccesso di cibo e il conseguente aumento di peso hanno sulla nostra salute e sul processo di invecchiamento. Nel tempo, il peso in eccesso inizia ad agire, rilasciando composti infiammatori che infliggono danni sistemici e stimolano il processo di invecchiamento. L'elenco delle malattie, di cui qualche chilo in più può sviluppo, è lungo...

Sebbene siamo capaci a dimenticare rapidamente i nostri buoni propositi per il nuovo anno, siamo disposti a tentarne a metà anno, con il trend salutistico sui social media che ha un'enorme influenza su come scegliamo di prenderci cura di noi stessi durante tutto l'anno.

Dal cercare i nostri sintomi alla scelta della nostra prossima dieta, risulta che 4 utenti di internet su 5 (80%) cercano informazioni online per la propria salute. I trend salutistici sui social media possono fornire informazioni fuorvianti su come mantenersi in salute. E peggio ancora, le persone li usano per fissare i propri obiettivi, portando la stragrande maggioranza a rinunciarvi e a riprendere abitudini malsane. Questo è un trend triste e pericoloso perché molte delle informazioni nutrizionali e sulla salute possono essere inaffidabili, irrealistiche o non è dimostrato che funzionino per una specifica persona. Quindi, quando rinunciamo e sentiamo di aver fallito, potrebbe essere a causa di supposizioni sbagliate, obiettivi troppo ambiziosi o perché siamo partiti con il piede sbagliato perseguendo i nostri obiettivi di salute.

Diamo un'occhiata ai propositi più popolari.


FARE PIÙ ESERCIZIO FISICO

1. FARE PIÙ ESERCIZIO FISICO

Non ci sono dubbi sui numerosi benefici per la salute dell'esercizio fisico. Indipendentemente dal tipo di esercizio che pratichi, il corpo ha bisogno di energia e nutrizione extra ottenere massime prestazioni e un recupero ottimale.

La parte più importante è scegliere cosa si adatta alla tua routine quotidiana e per cosa è pronto il tuo corpo. Puoi iscriverti a un bootcamp per iniziare, farti guidare da un personal trainer o semplicemente camminare ogni giorno. Per ottenere benefici ottimali per la salute, gli adulti dovrebbero svolgere almeno due ore e mezza di attività aerobica moderata a settimana più esercizi di potenziamento che fanno lavorare tutti i muscoli principali. E anche se sei già attivo potresti voler migliorare le tue prestazioni e il recupero.

Offriamo una varietà di prodotti che, insieme a migliori abitudini alimentari ed esercizio fisico, possono dare una carica di energia, aumentare la resistenza, aiutare a recuperare più velocemente e aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi di prestazione sportiva:

SKUNome del prodottoDescrizione prodotto
02246 Wellness Code™ Advanced Whey Protein Isolate Proteine del siero di latte con creatina per reintegrare gli aminoacidi e sostenere la massa muscolare magra
02127 Wellness Code™ Plant Protein Complete & Amino Acid Complex Proteine vegane con BCAA per reintegrare gli aminoacidi e sostenere la massa muscolare magra
02221 Wellness Code™ Muscle Strength and Restore Formula HMB per supportare la forza muscolare, la crescita muscolare e la funzione
02023 Tart Cherry with CherryPURE® Crostata di ciliegie per favorire il recupero muscolare e alleviare i disagi post-sforzo
00972 D-ribosio in polvere Il ribosio aiuta a ripristinare le riserve di energia e aumentare l’energia disponibile.s
60032 Ultra Energy™ Liposomal Adaptogenic Blend Erbe adattogene per favorire la resilienza, il vigore e la resistenza
60024 THE ONE® Super nutrienti più erbe adattogene per favorire la funzione mitocondriale e la generazione di energia, il vigore e la resistenza

PERDERE PESO

2. PERDERE PESO

Esistono molte diete e idee diverse su come perdere peso: molte di queste idee hanno la tendenza a concretizzarsi come diete rapide e aggressive. Tuttavia, perdere peso in breve tempo è difficile sia mentalmente che fisicamente. Questi tipi di diete sono anche malsane poiché sono nutrizionalmente sbilanciate. Soprattutto, la ricerca mostra che la quantità di persone che riescono a mantenere questo tipo di perdita di peso è piuttosto bassa. Pertanto, è meglio apportare modifiche realistiche alla dieta e all'attività fisica che possono essere mantenute a lungo termine.

Ci sono nove fattori che possono contribuire all’aumento di peso e sovraccaricare eccessivamente il fisico:

  • Resistenza all'insulina
  • Squilibrio ormonale
  • Eccessivo assorbimento di carboidrati e amido
  • Bassa attività fisica
  • Bassa serotonina cerebrale
  • Lento metabolismo a riposo
  • Segnalazione anomala delle cellule lipidiche
  • Assorbimento mediato dalla lipasi dei grassi alimentari
  • Squilibri dietetici

Con l'avanzare dell'età, il nostro metabolismo rallenta e abbiamo bisogno di meno calorie per sostenere una vita sana.

Allo stesso tempo, un cambiamento nell'equilibrio ormonale può anche portare ad un aumento di peso. Ciò può portare ad un aumento del grasso corporeo poiché la produzione di ormoni da parte del corpo, che aiuta a mantenere la massa muscolare, inizia a diminuire. Molti di noi diventano meno attivi man mano che invecchiano, il che causa la perdita di massa muscolare. Man mano che perdiamo massa muscolare, il nostro corpo inizia ad accumulare grasso che porta a un ritmo più lento di consumo delle calorie. Ma puoi cambiare tutto questo. Perché, in fondo, perdere peso è una questione di riduzione del numero di calorie che consumi quotidianamente.

Inoltre, è essenziale frenare la fame nervosa in modo naturale. Ad esempio, il consumo nervoso di cibo si verifica in circa il 30% delle donne obese4, sebbene la sua prevalenza nella popolazione generale superi di gran lunga quel numero. In uno dei risultati più convincenti fino ad oggi sul consumo nervoso di cibo, i ricercatori olandesi hanno riferito quest'anno che tale comportamento alimentare può essere causato da una variante genetica comune della molecola che trasporta la serotonina (che è uno dei principali regolatori dell'umore del corpo5).In breve, questo tipo di comportamento alimentare può quindi comportare una minore attività della serotonina..

Attenersi a metodi di controllo del peso basati sulla scienza

Nessuno dovrebbe intraprendere un programma di perdita di peso cercando di seguire una dieta che non è in grado di sostenere sul lungo termine. Allo stesso tempo, le persone che invecchiano devono fare una scelta su ciò che è più importante, come assumere cibi noti per favorire l'aumento di peso (e causare malattie) o selezionare cibi più sani che facilitano la perdita di peso e proteggono da malattie e infiammazioni nel corpo.

Detto questo, non è mai troppo tardi per cambiare il tuo stile di vita in un modo che favorisca una salute migliore mentre scioglie il grasso corporeo in eccesso.

Non esiste una cura magica per perdere peso con successo. Invece, prova semplicemente a seguire i suggerimenti che indichiamo per eliminare gli squilibri alimentari e iniziare un'abitudine alimentare per vivere una vita lunga e sana.

Non temere il fallimento

Seguire questi suggerimenti, indipendentemente dalla dieta e dal regime di esercizio fisico che scegli di adottare, può fare molto per aiutare i tuoi obiettivi di perdita di peso. E se senti di fallire e vuoi abbandonare i tuoi propositi per il nuovo anno o per metà anno - continua - riprova. Le persone che tentano di fare la differenza nella loro vita hanno 10 volte più probabilità di riuscire rispetto a coloro che non fanno nulla per cambiare le loro abitudini di salute.

Come avviare il controllo del peso:

  • Assicurati che la tua alimentazione quotidiana sia adeguata. Il tuo corpo riceve tutte le vitamine e i minerali di cui ha bisogno? A causa del suolo povero di sostanze nutrienti e delle moderne pratiche agricole, il cibo che consumiamo spesso non ha più la densità di sostanze nutrienti che aveva una volta. Pertanto, anche con una dieta variata, molte persone avranno un apporto inadeguato di vitamina A, D, magnesio, calcio, zinco e altri nutrienti. Uno studio recente su adulti più anziani ha rilevato che vitamina D, vitamina B12, acido folico e ferro sono i composti di cui gli anziani sono più spesso carenti. Per questi motivi, l'integrazione quotidiana è necessaria per una salute ottimale.
  • Dai la priorità a una dieta sana ed equilibrata con una varietà di cibi diversi, una buona quota di frutta e verdura e cibi meno elaborati. Bevi molti liquidi non zuccherini e cerca di inserire nella tua giornata qualche attività fisica come una passeggiata in più.
  • Scegli integratori naturali che possono aiutarti a sostenere la perdita di peso, controllare il livello di zucchero nel sangue o aumentare il livello di serotonina. A causa dei nove meccanismi di aumento di peso, non basta facile mangiare meno cibo per perdere peso. Un approccio di successo deve riconoscere i processi biologici che contribuiscono all'aumento di peso che può essere influenzato positivamente dai giusti integratori.
  • Prova la dieta chetogenica per un approccio scientifico per bruciare i grassi. Nella dieta chetogenica, costringi il corpo a produrre energia dai grassi (chetosi) invece che dallo zucchero. Quando raggiungi lo stato chetogenico, cioè lo stato brucia-grassi, bruci attivamente i grassi. Per raggiungere la chetosi sono necessarie fino a due settimane seguendo un corretto regime chetogenico. Fortunatamente, esistono numerosi nutraceutici che possono aiutare il passaggio dell’organismo a una condizione in cui brucia i grassi nel giro di qualche giorno, sfruttando l’inibizione delle vie di segnale della mTOR per portare rapidamente il corpo in chetosi. Keto Before 6™ riporta velocemente il corpo alla chetosi in qualche ora anziché in settimane. Ciò permette una dieta più completa e sostenibile che favorisce il peso forma, la produzione di energia, la performance cognitiva e la rigenerazione cellulare.
Keto

Prodotti raccomandati per la gestione del peso:

SKUNome del prodottoDescrizione prodotto
10015 Kit dimagrante Combina tre potenti formule con meccanismi distinti per aiutarti a perdere peso.
01807 Eliminazione avanzata dell'appetito Per chi vuole ridurre l'appetito e resistere meglio al desiderio di cibo.
1432 Optimised Saffron With Satiereal® Può aiutare modulando gli ormoni della fame o supportare livelli ottimali di serotonina.
2207 Attivatore metabolico AMPK Supporta livelli sani di AMPK, l'interruttore principale del corpo per bilanciare la produzione di energia del corpo. In tal modo, contrasta il grasso addominale indesiderato che può prodursi a causa di un calo di AMPK correlato all'età
01492 Optimized African Mango Irvingia with Phase 3™ Calorie Control Complex È per chi cerca una formula unica che agisca contro molti dei nove meccanismi di aumento di peso.
60041 Keto Before 6™ Keto Before 6™ è una formula rivoluzionaria che supporta i benefici di una dieta chetogenica (brucia grassi) consentendo al contempo una maggiore libertà dietetica. Disponibile nelle versioni da 100ml e 500ml versions.

MANGIARE PIÙ SANO

3. MANGIARE PIÙ SANO

Sorprendentemente, gli studi dimostrano che in media una persona ogni giorno fa oltre 200 scelte che coinvolgono cibo e dieta. Ma quante di queste sono scelte razionali e ponderate e quante sono semplicemente impulsi guidati dalle spinte del nostro subconscio? Inoltre, fino a che punto stiamo consumando cibi che non desideriamo veramente e che faremmo bene a evitare?

Spesso ci affidiamo ai segnali di pienezza inviati dalla parete dello stomaco al nostro cervello, correndo il rischio di mangiare più cibo del necessario.

Un ormone importante in questo processo è la grelina. Rilasciato nel rivestimento dello stomaco, invia segnali al cervello, dove influenza processi complessi come l'appetito, il sonno, la dipendenza e la sazietà. Quando hai fame, i tuoi livelli di grelina aumentano. Al contrario, quando assumi il cibo, la produzione di grelina diminuisce.

I carboidrati abbassano i livelli di grelina particolarmente rapidamente, ma i livelli aumentano di nuovo subito dopo. I grassi, d'altra parte, abbassano i livelli di grelina più lentamente e li mantengono bassi per un periodo di tempo più lungo, il che spiega perché una manciata di noci tiene a bada la fame più a lungo di una brioche.

Il problema è che possono essere necessari fino a 20 minuti prima che la sazietà dovuta agli ormoni raggiunga il cervello e dia l'ordine di smettere di mangiare, e 20 minuti sono.

In generale, mangiamo tanto quanto siamo abituati a mangiare; o finché non avremo svuotato i nostri piatti. Un piatto vuoto è uno degli indizi più forti di tutti: confidiamo che ci sentiremo automaticamente sazi con l'ultimo boccone e ignoriamo tranquillamente il fatto che potremmo sentirci soddisfatti anche prima di allora.

Innumerevoli studi hanno dimostrato che la semplice menzione che un cibo che stiamo per essere servito è "sano" abbassa le nostre aspettative di gusto. In uno studio dell'Università del Texas, ai volontari è stato chiesto di valutare la bontà di un mango lassi (una bevanda miscelata popolare nei ristoranti indiani). Se prima di provarla veniva detto loro che si trattava di una bevanda salutare, era molto più probabile che avrebbero dato un punteggio basso. Tuttavia, quando è stato evidenziato il suo alto contenuto calorico, i volontari hanno premiato la bevanda per il suo sapore.

Il fatto che siamo geneticamente programmati per amare zuccheri e grassi non aiuta le cose. Tuttavia, molte persone mangiano troppo cibo e di qualità troppo scarsa.

Come mangiare in modo più sano e ridurre le calorie:

  • Dai la priorità a una dieta variata con più frutta e verdura e meno cibi elaborati, zuccheri e bevande zuccherate. In Life Extension Europe, amiamo la dieta mediterranea poiché è ricca di frutta, verdura, cereali integrali, fagioli, noci, semi e grassi sani. Questa dieta ha anche un ampio corpo di ricerca che la sostiene come un modo efficace per ridurre il rischio di malattie cardiache, cancro, diabete e obesità. Il segreto della salubrità della dieta mediterranea sembra risiedere nel fatto che la dieta mediterranea è sinergica. Ciò significa che i componenti non sono solo nutrienti in sé e per sé; ma quando combinati tra loro agiscono per fornire anche vantaggi aggiuntivi. In quanto tali, sono più potenti se combinati rispetto ad essere consumati separatamente.
  • Scegli integratori naturali che possano aiutarti a ridurre le calorie
  • Per riprendere il controllo dell'apporto calorico, è consigliabile mangiare consapevolmente. Non quando sei in giro ma a tavola. Sviluppa un rapporto sano con il cibo invece di farti dire dallo stomaco quando sei pieno. Altrimenti, riduci al minimo le dimensioni del piatto e bevi molti liquidi non zuccherini.

Il potere della dieta mediterranea

SKUNome del prodottoDescrizione prodotto
1988 Omega-3 acids and DHA in Super Omega-3 Plus EPA/DHA with Sesame Lignans, Olive Extract, Krill & Astaxanthin Gli acidi Omega-3 e DHA nel Super Omega-3 più EPA/DHA con sesamo lignani, estratto di oliva, krill e astaxantina possono aiutare a sostenere il sistema cardiovascolare e il cervello, migliorare la funzione mitocondriale e aiutare a mantenere livelli adeguati di importanti acidi grassi.
01438 Estratto di mirtillo e melograno Ricca di frutta e verdura, la dieta mediterranea è una delle diete più sane al mondo. L'estratto di mirtillo e il melograno offrono i benefici antiossidanti di un potente estratto di mirtillo con i benefici extra del melograno in una comoda capsula.
2311 Clearly EPA/DHA Clearly EPA/DHA contains highly-concentrated omega 3 fatty acids EPA and DHA from fish oil which can support cardiovascular health, promote cognitive health, inhibit inflammation and more. Furthermore, the oil is encased in smaller softgels, making them a choice omega 3 supplement for anyone wanting smaller units with higher efficacy.
2230 Optimized Resveratrol Life Extension ha identificato alcuni composti che imitano i benefici di una dieta ipocalorica, un processo che rallenta gli aspetti legati all'invecchiamento. Questi composti includono il trans-resveratrolo (che i ricercatori sostengono sia il costituente più attivo), la quercetina, l'estratto intero di uva, ma anche alcuni composti presenti nelle bacche, come il trans-pterostilbene e ora la fisetina.

ADOTTARE UN APPROCCIO PIÙ ATTIVO ALLA SALUTE

4. ADOTTARE UN APPROCCIO PIÙ ATTIVO ALLA SALUTE

Una delle scoperte antietà più significative della storia è stata fatta alla Cornell University da Clive McCay (et.al) nel 1935. In quell'anno, i ratti nutriti con una dieta ipocalorica raggiunsero una vita media e massima radicalmente estesa, insieme a un'insorgenza ritardata di malattie legate all'età.6 I ricercatori hanno scoperto che se un gruppo di esseri umani consumava una dieta ipocalorica simile, i loro marcatori del sangue convenzionali dell'invecchiamento (eccesso di glucosio, colesterolo, trigliceridi, LDL) precipitavano a livelli molto più bassi.7-8

Nel 1995, uno studio condotto da John C. Norcross (et.al) presso l'Università di Scranton, esaminando coloro che facevano i buoni propositi per il nuovo anno, ha mostrato che il 46% dopo sei mesi li rispettava ancora.9 In questo periodo dell'anno, quando le persone si danno da fare per ottenere una vita più sana e più lunga, crediamo che la maggior parte di voi riuscirà a ridurre almeno una parte dell'assunzione di cibo in eccesso.

Potresti essere tentato di ricadere in cattive abitudini alimentari quando sei a dieta. Tuttavia, bisogna ricordare che i cibi tossici ad alto contenuto calorico sono abbondanti, economici e fortemente pubblicizzati. Un apporto calorico eccessivo fa sì che il nostro flusso sanguigno sia cronicamente "gonfio" di glucosio, insulina, colesterolo, grassi, omocisteina e altri induttori pro-infiammatori. Il sovraccarico persistente del flusso sanguigno ci predispone a cancro, ictus, infarto, senilità, infiammazioni dolorose e praticamente a tutti gli altri disturbi legati all'età.10-22

Il consumo eccessivo di calorie può ridurre la durata della tua vita

Il consumo di calorie in eccesso riduce la durata media della nostra vita facilitando lo sviluppo di malattie legate all'età che ci impediscono di raggiungere una sana longevità.

Il consumo eccessivo di calorie ha un altro effetto insidioso. Molti scienziati ritengono che la durata della nostra vita sia in gran parte controllata da geni che programmano il nostro corpo per funzionare in uno stato giovane e sano. Quando consumiamo calorie in eccesso, induciamo alcuni di questi geni a rivoltarsi contro di noi e contribuire ad accelerare l'invecchiamento e la morte.

Se riduciamo la quantità e/o gli effetti delle calorie ingerite, il risultato è un profilo di espressione genica più favorevole. Un effetto così positivo ci aiuta a vivere vite più lunghe e più sane. Pertanto, il controllo dell'impatto delle calorie ingerite diventa una componente essenziale di un programma di longevità basato sulla scienza, poiché l'esposizione eccessiva alle calorie riduce la durata della vita aumentando il rischio di malattie degenerative e accelerando l'invecchiamento.

Un volume esplosivo di ricerche pubblicate indica che gli esseri umani che invecchiano possono esercitare enormi gradi di controllo sul fatto che mantengano modelli di espressione genica giovani o senescenti nel loro DNA cellulare.28-30 Una certa espressione genica giovanile può essere mantenuta riducendo l'assunzione di calorie ad un livello inferiore del 20-40% rispetto a quello tipico, assumendo comunque tutti i nutrienti e le vitamine necessari.31-32

Alcuni ingredienti naturali possono riprodurre gli effetti della restrizione calorica

Sebbene le diete a restrizione calorica possano fornire tutti questi benefici, possono essere difficili da rispettare. Ora la ricerca indica che alcuni composti possono riprodurre gli effetti della restrizione calorica senza le difficoltà di ridurre l'apporto calorico.

È stato scoperto che il resveratrolo, un composto presente nell'uva rossa e nel vino rosso, promuove l'espressione genica giovanile simile alle diete ipocaloriche, favorendo allo stesso tempo parametri metabolici sani e una risposta infiammatoria sana. Recentemente, i progressi nell'intelligenza artificiale hanno scoperto composti più naturali che agiscono in modo specifico sui percorsi anti-invecchiamento, come la restrizione calorica.

SKUNome del prodottoDescrizione prodotto
02230 Optimized Resveratrol Questa formula contiene trans-resveratrolo, nella forma abbondante nel vino rosso, che è ben assorbita e stabile. Il resveratrolo favorisce anche una sana sensibilità all'insulina, incoraggia una migliore funzione mitocondriale, supporta una sana risposta infiammatoria e ha dimostrato un'attività cardiovascolare benefica
02133 GEROPROTECT™ Longevity A.I.™ GEROPROTECT™ Longevity A.I.™, combatte il processo di invecchiamento con una combinazione di tre composti naturali unici che possono attivare gli stessi percorsi antietà delle sostanze che riproducono gli effetti della restrizione calorica.

Oltre a una dieta sana priva di calorie in eccesso, diversi nutrienti possono aiutarti a prolungare in modo sano la tua vita. Ecco i nostri suggerimenti basati sui risultati della ricerca scientifica:

SuggerimentoProdotto suggerito
Integratore con vitamine e minerali essenziali per assicurarti di ottenere i nutrienti di cui il tuo corpo ha bisogno 02354EU - LIFE EXTENSION MIX™ Capsules
Per assumere molti acidi grassi omega-3 sani per il cuore 02311 - Clearly EPA/DHA 01988 - Super Omega 3 Plus EPA/DHA with Sesame Lignans, Olive Extract, Krill & Astaxanthin
Mantieni un livello ottimale di CoQ10 per una maggiore produzione di energia cellulare e un maggior supporto cardiaco 01426 - Super Ubiquinol CoQ10 with Enhanced Mitochondrial Support
Supporta le fabbriche di energia delle tue cellule con nutrienti selezionati 01868EU - Mitochondrial Energy Optimizer with PQQ
Mantieni l'equilibrio ormonale giovanile 01940 - Super Miraforte with Standardized Lignans(per l’uomo) 01894 - Estrogen for Women (per la donna)
Preserva la funzione cerebrale 02396EU - Cognitex® Elite
Protegge le tue ossa 01726 - Bone Restore
Aiuta la prostata e la salute del seno 02029 - Ultra Prostate Formula (per l’uomo) 01942 - Breast Health Formula (per la donna)
Inibisce i fattori infiammatori che accelerano il processo di invecchiamento 02407 - Curcumin Elite™ Turmeric Extract
Colma le carenze con un mix unico di nutrienti liposolubili e antiossidanti 02292 - Once Daily Health Booster
Mantenere livelli ottimali di glucosio nel sangue 01803 - Tri Sugar Shield™

DORMIRE DI PIÙ, RIDURRE LO STRESS

5. DORMIRE DI PIÙ, RIDURRE LO STRESS

Tutti sanno che una buona notte di sonno è uno dei modi migliori per sentirsi rivitalizzati e mantenere una salute ottimale. Tra le altre cose, il tuo corpo ripristina il suo sistema immunitario durante il sonno. Il sonno insufficiente è stato collegato a diversi gravi problemi di salute, tra cui malattie cardiache, diabete, sovrappeso, problemi di memoria e pensieri confusi, stress e livelli più bassi di testosterone negli uomini.

I problemi di sonno possono peggiorare con l'avanzare dell'età. Sebbene i fattori di stress della vita quotidiana possano disturbare i tuoi schemi di sonno, gli integratori naturali usati da sempre continuano a dimostrare la loro capacità di migliorare il sonno e alleviare lo stress. I nutrienti come la melatonina, i peptidi bioattivi del latte e l'estratto di ashwagandha favoriscono un sonno ottimale, lavorano per normalizzare i cicli giorno/notte interrotti, alleviano l'ansia e aiutano il nostro corpo a far fronte allo stress.

SKUNome del prodottoDescrizione prodotto
02201 Melatonin IR/XR Combina melatonina ad assorbimento rapido e lento che può aiutarti ad addormentarti e rimanere addormentato.
01511 Enhanced Sleep without Melatonin È un integratore senza melatonina per favorire il sonno e il combattere lo stress che fornisce peptidi bioattivi del latte ed estratto di ashwagandha.
60006 Liposomal GABA with L-Theanine Il GABA (acido gamma-aminobutirrico) è un derivato amminoacidico prodotto nel corpo umano che funziona come neurotrasmettitore nel sistema nervoso centrale. I neurotrasmettitori sono messaggeri chimici che trasportano messaggi tra le cellule.
00987 Enhanced Stress Relief Promuove il rilassamento attivando l'aminoacido teanina e un estratto di estratto di melissa clinicamente testato
60040 Lipocalm™ Una formula naturale per il sonno con il GABA e una miscela vegetale brevettata che aiuta a facilitare un sonno notturno riposante e promuove un ciclo del sonno sano e ristoratore.
60019 Liposomal Melatonin Una formula di melatonina liposomiale con assorbimento rapido e potenziato che favorisce cicli di sonno sani.

Varie altre formule di melatonina consentono ai nostri clienti di selezionare la dose più adatta a loro. Puoi vederle tutte qui.

Attenzione:

Ogni volta che acquisti un prodotto Life Extension® contribuisci alla ricerca volta ad estendere radicalmente la durata della vita umana sana. Dal 1980 al 2019, The Life Extension Foundation ha donato 179 milioni di dollari USA alla ricerca scientifica sugli integratori naturali. L'anno scorso, la Life Extension Foundation ha finanziato un numero record di progetti scientifici.


RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI:

  1. Nutr J. 2006 Nov 21;5:29.
  2. Eur J Clin Nutr. 2013 Sep;67(9):944-9.
  3. Physiol Behav. 2014 Jul;134:66-9.
  4. Alger S, Seagle H, Ravussin E. Food intake and energy expenditure in obese female bingers and non-bingers. Int J Obes Relat Metab Disord. 1995 Jan;19(1):11-6.
  5. van Strien T, van der Zwaluw CS, Engels RC. Emotional eating in adolescents: A gene (SLC6A4/5-HTT) - Depressive feelings interaction analysis. J Psychiatr Res. 2010 Apr 21.
  6. McCay CM, Crowell MF, Maynard LA. The effect of retarded growth upon the length of life span and upon the ultimate body size. 1935. Nutrition. 1989 May-Jun;5(3):155-71.
  7. Martins C, Morgan LM, Robertson MD. Effects of restrained eating behaviour on insulin sensitivity in normal-weight individuals. Physiol Behav. 2009 Mar 23;96(4-5):703-8.
  8. Lefevre M, Redman LM, Heilbronn LK, et al. Caloric restriction alone and with exercise improves CVD risk in healthy non-obese individuals. Atherosclerosis. 2009 Mar;203(1):206-13.
  9. Norcross JC, Mrykalo MS, Blagys MD. Auld Lang Syne: Success predictors, change processes, and self-reported outcomes of New Year’s resolvers and nonresolvers. J Clin Psych. 2002;58(4).
  10. Rush EC, Chandu V, Plank LD. Reduction of abdominal fat and chronic disease factors by lifestyle change in migrant Asian Indians older than 50 years. Asia Pac J Clin Nutr. 2007;16(4):671-6.
  11. Calabro P, Yeh ET. Intra-abdominal adiposity, inflammation, and cardiovascular risk: new insight into global cardiometabolic risk. Curr Hypertens Rep. 2008 Feb;10(1):32-8.
  12. Lakka HM, Laaksonen DE, Lakka TA, et al. The metabolic syndrome and total and cardiovascular disease mortality in middle-aged men. JAMA. 2002 Dec 4;288(21):2709-16.
  13. Kopp W. The atherogenic potential of dietary carbohydrate. Prev Med. 2006 May;42(5):336-42.
  14. Zhang X, Zhang G, Zhang H, Karin M, Bai H, Cai D. Hypothalamic IKKbeta/NF-kappaB and ER stress link overnutrition to energy imbalance and obesity. Cell. 2008 Oct 3;135(1):61-73.
  15. Lacquemant C, Vasseur F, Lepretre F, Froguel P. Adipocytokins, obesity and development of type 2 diabetes. Med Sci (Paris). 2005 Dec;21 Spec No10-8.
  16. Danielsson A, Fagerholm S, Ost A, et al. Short-term overeating induces insulin resistance in fat cells in lean human subjects. Mol Med. 2009 Jul-Aug;15(7-8):228-34.
  17. Galili O, Versari D, Sattler KJ, et al. Early experimental obesity is associated with coronary endothelial dysfunction and oxidative stress. Am J Physiol Heart Circ Physiol. 2007 Feb;292(2):H904-11.
  18. Home P. Contributions of basal and post-prandial hyperglycaemia to micro- and macrovascular complications in people with type 2 diabetes. Curr Med Res Opin. 2005 Jul;21(7):989-98.
  19. Ardigo D, Valtuena S, Zavaroni I, Baroni MC, Delsignore R. Pulmonary complications in diabetes mellitus: the role of glycemic control. Curr Drug Targets Inflamm Allergy. 2004 Dec;3(4):455-8.
  20. Eckel RH, Grundy SM, Zimmet PZ. The metabolic syndrome. Lancet. 2005 Apr 16-22;365(9468):1415-28.
  21. Grattagliano I, Palmieri VO, Portincasa P, Moschetta A, Palasciano G. Oxidative stress-induced risk factors associated with the metabolic syndrome: a unifying hypothesis. J Nutr Biochem. 2008 Aug;19(8):491-504.
  22. Reeves GK, Pirie K, Beral V, et al. Cancer incidence and mortality in relation to body mass index in the Million Women Study: cohort study. BMJ. 2007 Dec 1;335(7630):1134.
  23. Ordovas J. Diet/genetic interactions and their effects on inflammatory markers. Nutr Rev. 2007 Dec;12Pt 2):S203-7.
  24. Lee CK, Pugh TD, Klopp RG, Edwards J, Allison DB, Weindruch R, Prolla TA. The impact of alpha-lipoic acid, coenzyme Q10 and caloric restriction on life span and gene expression patterns in mice. Free Radic Biol Med. 2004 Apr 15;36(8):1043-57.
  25. Pearson KJ, Baur JA, Lewis KN, et al. Resveratrol delays age-related deterioration and mimics transcriptional aspects of dietary restriction without extending life span. Cell Metab. 2008 Aug;8(2):157-68.
  26. Baur JA, Pearson KJ, Price NL, et al. Resveratrol improves health and survival of mice on a high-calorie diet. Nature. 2006 Nov 16;444(7117):337-42.
  27. Barger JL, Kayo T, Vann JM, et al. A low dose of dietary resveratrol partially mimics caloric restriction and retards aging parameters in mice. PLoS One. 2008 Jun 4;3(6):e2264.
  28. Crujeiras AB, Parra D, Milagro FI, et al. Differential expression of oxidative stress and inflammation related genes in peripheral blood mononuclear cells in response to a low-calorie diet: a Nutrigenomics Study. OMICS. 2008 Dec;12(4):251-61.
  29. Caramia G. Omega-3: from cod-liver oil to nutrigenomics. Minerva Pediatr. 2008 Aug;60(4):443-55.
  30. Jump DB. N-3 polyunsaturated fatty acid regulation of hepatic gene transcription. Curr Opin Lipidol. 2008 Jun;19(3):242-7.
  31. Kornman K, Rogus J, Roh-Schmidt H, et al. Interleukin-1 genotype-selective inhibition of inflammatory mediators by a botanical: a nutrigenetics proof of concept. Nutrition. 2007 Nov;23(11-12):844-52.
  32. Colman RJ, Anderson RM, Johnson SC, et al. Caloric restriction delays disease onset and mortality in rhesus monkeys. Science. 2009 Jul 10;325(5937):201-4.
  33. Kennedy BK, Steffen KK, Kaeberlein M. Ruminations on dietary restriction and aging. Cell Mol Life Sci. 2007 Jun;64(11):1323-8.
  34. Guarente L, Picard F. Calorie restriction--the SIR2 connection. Cell. 2005 Feb 25;120(4):473-82.
  35. Dilova, I., Easlon, E., and Lin, S. Calorie restriction and the nutrient sensing signaling pathways. Cell Mol Life Sci. 2007;64:752-67.
  36. Chen D, Guarente L. SIR2: a potential target for calorie restriction mimetics. Trends Mol Med. 2007;13:64-71.
  37. Longo VD. Linking sirtuins, IGF-I signaling, and starvation. Exp Gerontol. 2009;44:70-4.