Gestione del peso

Le ricerche dimostrano che perdere anche solo il 5% del peso corporeo può essere salutare.

L'eccesso di peso corporeo, soprattutto intorno all'addome, non è solo un fastidio scomodo, ma mantiene il corpo in uno stato infiammatorio che è stato associato a un aumento del rischio di malattie cardiache, diabete di tipo II e diversi tipi di cancro. 

Molte persone vogliono perdere peso per apparire e sentirsi meglio, ma poche si rendono conto che una perdita del 5-10% del peso corporeo può fare miracoli per la nostra salute generale. 

Quindi, invece di puntare a un obiettivo quasi irraggiungibile come quello di diventare finalmente magrissimi, conviene puntare a qualcosa di più benefico e realistico, ovvero una modesta perdita di peso.

STRATEGIE PER LA PERDITA DI PESO

Nutrienti che favoriscono la perdita di peso

Un aiuto per frenare la fame e bruciare i grassi

Il principio dell'aumento di peso è semplice: l'apporto di energia supera il dispendio energetico e sono necessari degli aggiustamenti per la perdita di peso. L'equazione energetica che prevede la riduzione dell'apporto calorico (meno energia in entrata) e l'aumento dell'esercizio fisico (più energia in uscita) è solitamente considerata il modo migliore per superare questo squilibrio.

Sebbene la riduzione delle calorie e l'esercizio fisico siano componenti fondamentali per un sano programma di perdita di peso, la natura della gestione del peso è più complessa. Può essere necessario cercare un aiuto per frenare l'appetito o promuovere la combustione dei grassi,  e diversi nutrienti naturali ricavati da estratti vegetali hanno dimostrato di svolgere esattamente questa funzione:

Arancia rossa Moro

L'arancia rossa Moro contiene il composto antocianina, studiato dagli scienziati per favorire una sana perdita di peso. È dimostrato che aiuta a perdere il grasso addominale riducendo sia il grasso viscerale che quello sottocutaneo. 

In effetti, gli studi preclinici hanno dato risultati di riduzione del grasso addominale pari a quasi il 50%.

Capsaicina nel peperoncino rosso

La capsaicina è un composto presente nei peperoncini rossi che può aiutare a bruciare energia attivando un tipo di grasso corporeo chiamato tessuto adiposo bruno. 

Questo importante composto "termogenico" aumenta il dispendio energetico a riposo (tasso metabolico), in modo da bruciare più calorie anche quando il corpo è a riposo.

Limone verbena e ibisco

I principi attivi del limone verbena e dell'ibisco possiedono numerose proprietà medicinali.

Diversi studi dimostrano che la combinazione di questi estratti vegetali naturali può favorire la perdita di peso promuovendo il senso di sazietà. Sentendosi soddisfatti, si evita di mangiare troppo e di allontanarsi dal proprio programma.

Nuovo entusiasmante prodotto!

Thermo Weight Control

Promuovere la combustione dei grassi

Per te, se sei interessato a un estratto di peperoncino rosso che aumenta il metabolismo dei grassi

La la nuova formula per la gestione del pesodi Thermo Weight Control può :

  • Promuovere una sana combustione dei grassi per produrre energia 
  • Incoraggiare la termogenesi per un peso sano 
  • Fornire fibra di semi di fieno greco per il comfort digestivo 
  • Fornire un partner perfetto per diete ipocaloriche e piani di esercizio

La formulazione contiene Capsifen®, che è un estratto brevettato di peperoncino rosso clinicamente studiato per favorire la termogenesi; la capacità del tuo corpo di bruciare i grassi per produrre energia.

Per saperne di più
Nuovo

Come far funzionare il piano di dimagrimento

I vantaggi dell'eliminazione del grasso corporeo in eccesso vanno ben oltre un fisico snello, arrivando alla promessa di una vita lunga e priva di malattie.

Ma la scelta di mangiare meno e di fare più esercizio fisico non è sufficiente per aiutare la maggior parte delle persone a eliminare il grasso corporeo in eccesso e a mantenere la situazione. Sono necessari più approcci per intervenire sui numerosi fattori che contribuiscono all'eccesso di grasso corporeo:

Migliorare la sensibilità all'insulina 

Il modo più efficace in assoluto per ripristinare la sensibilità all'insulina è ridurre l'apporto calorico. 

Anche una moderata riduzione delle calorie in eccesso può migliorare notevolmente la sensibilità all'insulina. Pertanto, la prima considerazione per una perdita di peso di successo a lungo termine dovrebbe comportare una moderata riduzione dell'apporto calorico, almeno per un tempo sufficiente a riportare la sensibilità dei recettori dell'insulina a valori più giovanili.


Dormire bene

Una notte di sonno non ristoratore tende a farci mangiare di più il giorno dopo. . 

Una causa di fondo è rappresentata da cambiamenti nell'attività cerebrale che aumentano il desiderio di cibi ipercalorici che causano l'aumento di peso. 

Altri fattori che collegano l'aumento di peso alla privazione del sonno sono l'aumento di ormoni come la grelina che stimola la fame e la diminuzione della leptina che sopprime l'appetito.

Ripristinare la serotonina cerebrale 

Quando la serotonina inonda il cervello, normalmente si verifica la sazietà. Una carenza di serotonina è stata associata all'abbuffata di carboidrati che contribuisce all'accumulo di grasso corporeo in eccesso.

I soggetti obesi presentano bassi livelli di triptofano nel sangue, il che a sua volta può indicare che i loro comportamenti alimentari eccessivi possono essere legati a una carenza di serotonina.. 

COMBUSTIONE DEL GRASSO

Potenziare il metabolismo

Quando la dieta ha smesso di funzionare

Le diete ipocaloriche possono rallentare il dispendio energetico e limitare il successo del programma di perdita di peso. 

Uno dei motivi è che il corpo compensa la restrizione calorica risparmiando calorie per i "giorni difficili". Come si fa quindi a far sì che il corpo continui a bruciare grassi? 

Bisogna incoraggiare la termogenesi, il processo metabolico che trasforma il grasso accumulato in energia.

AMPK Charge+™
#60067 100 ml 1 Liquid

Non disponible

Vedi prodotto consigliato

Super CLA Blend with Sesame Lignans
#00818 1000 mg 120 Softgels
Nuovo

CONTROLLO DELL'APPETITO

Promuovere la sazietà

Un aiuto per domare gli ormoni della fame

La dieta provoca cambiamenti nel metabolismo e negli ormoni legati all'appetito che possono rendere più difficile perdere peso e mantenere la situazione. 

Per esempio, la perdita di peso porta a un aumento della grelina circolante, un ormone della fame che aumenta l'appetito. 

Inoltre, la perdita di peso fa sì che l'organismo secerna meno peptide glucagone-simile-1 (GLP-1), un ormone che aumenta la sazietà. Trovare il modo di frenare l'appetito è fondamentale!

Advanced Appetite Suppress
#01807 60 Vegetarian Capsules
Optimized Saffron with Satiereal®
#01432 60 Vegetarian Capsules
Nuovo
Super CLA Blend with Sesame Lignans
#00818 1000 mg 120 Softgels
Garcinia HCA
#01738 90 Vegetarian Capsules
AMPK Charge+™
#60067 100 ml 1 Liquid
Advanced Appetite Suppress
#01807 60 Vegetarian Capsules
Optimized Saffron with Satiereal®
#01432 60 Vegetarian Capsules

Nutrienti che favoriscono la perdita di peso

Diversi nutrienti naturali aiutano a ridurre l'appetitoa promuovere la sazietà e a favorire la combustione dei grassi:

Arancia moro

L'arancia rossa moro contiene il composto antocianina, studiato dagli scienziati per promuovere una sana perdita di peso. 

È stato dimostrato che gli adulti obesi che hanno assunto il succo di estratto di arancia moro hanno notato una significativa riduzione dell'IMC (indice di massa corporea).

La ricerca ha dimostrato che questi e altri componenti dell'arancia moro possono lavorare insieme per inibire l'accumulo di grasso: Riduzione dell'accumulo di grasso di circa il 50%, diminuzione delle dimensioni degli adipociti e regolazione dell'espressione genica del tessuto adiposo (modulazione dei cambiamenti di espressione genica causati da una dieta ricca di grassi).

Capsaicina nel peperoncino rosso

Molte persone si chiedono: "Perché non perdo più chili di grasso quando mangio meno e tengo sotto controllo le calorie?". Uno dei motivi è che il corpo si adatta alla riduzione dell'apporto calorico bruciando meno energia quando siamo a riposo. 

Gli scienziati hanno cercato a lungo una soluzione per aumentare il dispendio energetico a riposo (tasso metabolico). Per far sì che l'organismo continui a bruciare grassi è necessario incoraggiare la termogenesi, il processo metabolico in cui il grasso accumulato viene trasformato in energia.

La capsaicina è un composto presente nei peperoncini rossi che fa esattamente questo. Aiuta a bruciare energia attivando un tipo di grasso corporeo chiamato tessuto adiposo bruno. Questo importante composto "termogenico" aumenta il dispendio energetico a riposo, in modo da bruciare più calorie anche quando il corpo è a riposo.

Verbena e ibisco

Le piante della verbena e dell'ibisco sono ricche di polifenoli con numerose proprietà medicinali ed effetti collaterali indesiderati. Gli estratti di una miscela di foglie di limone verbena e fiori di ibisco possono aumentare gli ormoni della sazietà per aiutare a frenare l'appetito. 

Diversi studi hanno dimostrato che la combinazione limone verbena-ibisco favorisce la perdita di peso: 5% in due mesi e riduce il girovita di oltre 2,5 pollici. Inoltre, i risultati hanno anche dimostrato che favorisce la salute dei livelli di biomarcatori cardiovascolari nei soggetti in sovrappeso e obesi.

Questi estratti funzionano meglio se associati a una dieta sana e a un regolare esercizio fisico.

Zafferano

In uno studio condotto su 60 donne sane in leggero sovrappeso che seguivano una dieta senza restrizioni, 176,5 mg di estratto di stigma di zafferano al giorno per otto settimane hanno prodotto una perdita di peso media di circa 2 chili. Gran parte di questa riduzione di peso è stata attribuita alla riduzione della frequenza degli spuntini.

Sphaeranthus indicus e garcinia mangostana

Il mangostano (Garcinia mangostana) è un frutto tropicale originario del sud-est asiatico, dove è stato usato tradizionalmente come trattamento per il diabete. Un'altra pianta medicinale, nota come cardo mariano delle Indie Orientali (Sphaeranthus indicus), ha dimostrato attività antinfiammatorie, di riduzione della glicemia e dei lipidi in studi preclinici. 

Studi controllati con placebo hanno rilevato l'efficacia di S. indicus più mangostano per aumentare la perdita di peso in soggetti con sovrappeso e obesità.

Gynostemma pentaphyllum 

È stato dimostrato che i composti estratti dal gynostemma stimolano la proteina chinasi attivata dall'adenosina monofosfato (AMPK), un enzima fondamentale che regola il metabolismo cellulare e altre funzioni delle cellule.

In uno studio randomizzato controllato con placebo che ha incluso 80 partecipanti affetti da obesità, 450 mg di estratto di gynostemma al giorno per 12 settimane hanno portato a una riduzione del peso corporeo, dell'area totale di grasso addominale, della massa grassa corporea, della percentuale di grasso corporeo e del BMI.

Acido linoleico coniugato (CLA)

L'acido linoleico coniugato (CLA) si riferisce a un gruppo di nutrienti dell'acido linoleico, che si trova principalmente nella carne e nei prodotti caseari. 

È stato dimostrato che il CLA ha molti benefici per la gestione del peso, il sistema immunitario, la protezione cardiovascolare, il mantenimento della glicemia, i profili lipidici e la composizione corporea.

Estratto di fagiolo bianco

I fagioli bianchi (Phaseolus vulgaris) contengono un composto che inibisce l'α-amilasi, un enzima digestivo necessario per la conversione dell'amido in zuccheri più piccoli. 

Inibendo l'attività dell'α-amilasi, l'estratto di fagiolo bianco può ridurre la digestione e l'assorbimento dei carboidrati ed è stato riportato che riduce i picchi di glucosio nel sangue dopo i pasti. 

Una meta-analisi che ha incluso 11 studi clinici con un totale di 573 partecipanti ha rilevato che l'estratto di fagioli bianchi (a una dose di almeno 1200 mg al giorno per un minimo di quattro settimane) ha favorito la perdita di peso in individui sovrappeso e obesi. 

Inoltre, tre studi che hanno esaminato l'effetto dell'estratto di fagioli bianchi sulla perdita di grasso hanno riportato riduzioni significative della massa grassa nei partecipanti che assumevano l'estratto.

Approcci multimodali per far funzionare il piano di dimagrimento

Scegliere di mangiare meno e fare più esercizio fisico non è sufficiente per aiutare la maggior parte delle persone a eliminare il grasso corporeo in eccesso e a mantenere la situazione. È necessario un programma completo che agisca sui numerosi fattori che contribuiscono all'eccesso di grasso corporeo. . 

Un programma completo per la perdita di grasso dovrebbe includere il miglioramento della sensibilità all'insulina, il raggiungimento di un equilibrio ormonale giovanile, il controllo del tasso di assorbimento dei carboidrati, l'aumento dell'attività fisica, la normalizzazione della serotonina cerebrale, il ripristino del tasso di dispendio energetico, l'adozione di una strategia alimentare sana a lungo termine e altro ancora. Trova qui le strategie per la perdita di peso:

Supporta il ripristino della sensibilità all'insulina

Il modo in assoluto più efficace per ripristinare la sensibilità all'insulina è ridurre l'apporto calorico. Una severa restrizione calorica al di sotto di 1.500-1.800 calorie al giorno aumenta significativamente la sensibilità all'insulina, come documentato dal drastico abbassamento dei livelli ematici di glucosio e insulina a digiuno. (8-12) 

Anche una moderata riduzione delle calorie in eccesso può migliorare notevolmente la sensibilità all'insulina. Pertanto, la prima cosa da considerare per aver successo con la perdita di peso a lungo termine dovrebbe comportare una moderata riduzione dell'apporto calorico, almeno abbastanza a lungo da ripristinare la sensibilità del recettore dell'insulina a intervalli più giovanili.

Dovrebbe essere preso in considerazione anche l'uso di sostanze nutritive, ormoni e farmaci che aumentano la sensibilità all'insulina

Ripristinare l'equilibrio ormonale a un livello giovanile 

Spesso può essere abbastanza difficile per gli uomini anziani perdere centimetri dal girovita, in particolare se sono carenti di testosterone libero, ma soprattutto in presenza di un eccesso di estrogeni. (13-15) Bassi livelli di deidroepiandrosterone (DHEA) possono anche contribuire a un indesiderato accumulo di grasso negli uomini e nelle donne. (16) 

Un pannello completo di analisi del sangue può fornire informazioni sui livelli di testosterone libero ed estrogeni (estradiolo) in modo che un medico possa, se necessario, prescrivere una crema topica al testosterone e un farmaco che inibisce l'aromatasi per aiutare a ripristinare il profilo dell'ormone sessuale di un uomo a una gamma giovanile.

Lo stesso pannello di analisi del sangue può anche rilevare i livelli ematici di DHEA per consentire di assumere la dose corretta dell'integratore alimentare. Un altro ormone che può portare ad un aumento di peso quando non è a livelli ottimali è la tiroideGli ormoni tiroidei sono essenziali per mantenere tassi metabolici sani.

Coloro che cercano di ottenere una funzione tiroidea ottimale dovrebbero prendere in considerazione Triple Action Thyroid. Cercare di perdere peso mentre si affronta un deficit dell'ormone tiroideo può essere particolarmente impegnativo. 

Comune nelle donne che invecchiano è una condizione chiamata "dominanza di estrogeni", che è una presenza eccessiva di estrogeni nel sistema in relazione ai livelli di progesterone. Un eccesso di estrogeni può far ingrassare le donne e, a sua volta, rendere difficile liberarsi del peso in eccesso.

Il ripristino dell'equilibrio ormonale nelle donne che invecchiano richiede l'intervento di un operatore sanitario con esperienza specializzata nella prescrizione di terapia ormonale sostitutiva bioidentica.

Gli uomini sono più fortunati, poiché quasi tutti i medici possono prescrivere la giusta dose di testosterone (e farmaci che inibiscono l'aromatasi, se necessario).

Controllo del tasso di assorbimento dei carboidrati 

Infine, nel Coronary Artery Risk Development in Young Adults Study, che esamina come si sviluppano le malattie cardiache negli adulti, è emerso che un maggiore consumo di fibre prediceva un minore aumento di peso in modo più marcato rispetto al consumo totale o di grassi saturi. (17) Qualcosa da sapere è che non tutte le fibre sono create uguali.

I beta-glucani rallentano l'aumento post-prandiale dei livelli di zucchero nel sangue e di insulina. Come altri alimenti ricchi di fibre solubili,  i beta-glucani possono aiutare a migliorare il metabolismo del glucosio nel sangue contribuendo nel contempo ad abbassare i livelli di lipidi sierici. (18,19)

In alternativa, l'assunzione di integratori per aiutare a sostenere uno stato glicemico sano prima di ogni pasto ricco di carboidrati e può aiutare a ridurre il picco di glucosio-insulina che incluso contribuisce all'obesità.. 

Aumenta la tua attività fisica

Il tipo e l'intensità dell'attività fisica tende a variare tra gli individui. Quando si tratta di gestione del peso è una priorità impegnarsi in una qualche forma di maggiore attività fisica

Vedendo risultati rapidi e significativi, chiunque si atterrebbe a un buon programma di esercizi mirato a mantenere bassi i livelli di grasso.

Solo un modesto aumento dell'attività fisica, come parte di un nuovo regime di gestione del peso, dovrebbe produrre una riduzione della massa grassa, specialmente nell'addome, abbastanza notevole da motivare anche le persone sedentarie a trovare modi per diventare più attivi fisicamente

Ripristino della serotonina cerebrale 

Quando la serotonina inonda il cervello, si verifica normalmente la sazietà. Una carenza di serotonina è stata associata all'abbuffata di carboidrati che contribuisce all'accumulo di grasso corporeo in eccesso. (20) Gli individui obesi hanno bassi livelli di triptofano, nel sangue, che a loro volta possono indicare che i loro modelli di eccesso con il cibo possono essere correlati a una carenza di serotonina nel cervello. (21,22) 

Inoltre, recenti ricerche rivelano che l'infiammazione cronica e l'eccessiva attivazione del sistema immunitario sembrano svolgere un ruolo fondamentale nell'obesità. (22,23) 

Mentre le citochine infiammatorie come l'interferone-gamma (IFN-gamma) vengono prodotte e rilasciate nel grasso corporeo, un enzima chiamato indoleamina 2,3-diossigenasi viene attivato dall'IFN-gamma, che quindi degrada il triptofano nel corpo. Il triptofano è necessario per produrre serotonina nel cervello.

In effetti, gli studi suggeriscono che i pazienti obesi hanno livelli plasmatici di triptofano ridotti e che continuano rimanendo bassi, indipendentemente dalla riduzione del peso o dall'assunzione dietetica. (20,21) 

Questo metabolismo del triptofano alterato riduce la produzione di serotonina e contribuisce a ridurre la sazietà, che a sua volta contribuisce all'aumento dell'apporto calorico e all'obesità.

Quando ai pazienti obesi sono state somministrate dosi di 1.000 mg, 2.000 mg o 3.000 mg di  L-triptofano un'ora prima dei pasti, è stata osservata una significativa diminuzione del consumo calorico. La maggior parte della riduzione dell'apporto calorico era nella quantità di carboidrati consumati e non nella quantità di proteine consumate.. (24)

Considerando tutto questo, per intraprendere un programma completo di perdita di peso sarebbe utile aggiungere questa forma sicura di triptofano al tuo programma quotidiano in dosi iniziali di 500 mg prima dei pasti, da due a tre volte al giorno.

Le persone anziane hanno sempre avuto difficoltà a perdere significative riserve di grasso corporeo, anche seguendo una dieta ipocalorica, ripristinando l'equilibrio ormonale giovanile, ingerendo fibre ed esercitandosi in modo aggressivo.

L'anello mancante per una perdita di peso di successo a lungo termine è di aumentare il dispendio energetico a riposo, bruciando quindi il grasso corporeo immagazzinato.

Con la disponibilità di fucoxantina e olio di semi di melograno, gli esseri umani che invecchiano possono aumentare in modo sicuro il loro tasso metabolico e, per la prima volta, ottenere risultati significativi seguendo passi sensati per mantenere un peso corporeo sano. (25,26) 

Mangiare per vivere una vita lunga e sana

Un'interessante scoperta di Life Extension di cinque anni fa indicava che una temperatura di cottura più elevata degli alimenti aveva un impatto enorme sulla longevità di coloro che li mangiavano (oltre i 250 gradi). 

Gli alimenti troppo cotti danneggiano le proteine del nostro corpo, mentre è stato dimostrato che gli alimenti cotti a temperature più basse facilitano la perdita di peso.

Quindi, cambiare semplicemente il modo in cui vengono preparati i cibi potrebbe aiutarvi a raggiungere l'obiettivo di perdere grasso corporeo e, allo stesso tempo, a proteggere dalle malattie legate all'età (vedi "Eating food cooked at high temperature accelerates ageing", Life Extension, maggio 2003).

Prove scientifiche solide dimostrano che l'ingestione di calorie in eccesso accelera l'insorgenza di malattie degenerative e il processo di invecchiamento stesso. A ciò si aggiunge la promozione dell'accumulo di grasso corporeo. 

Le donne che hanno partecipato agli studi sulla fucoxantina hanno consumato 1.800 calorie al giorno, perdendo comunque un notevole peso corporeo in un periodo di tempo relativamente breve. Con l'aiuto dei vari processi descritti in questo post, la rapida riduzione del grasso corporeo che si può osservare dovrebbe fornire una forte base motivazionale per avviare modelli di assunzione di cibo più ragionevoli.

Non è mai troppo tardi per cambiare il proprio stile di vita in modo da promuovere una migliore salute e sciogliere il grasso corporeo in eccesso. Ora che è finalmente disponibile un metodo sicuro e comprovato per aumentare il tasso metabolico a riposo, le persone anziane possono intraprendere un programma di riduzione del grasso con un alto grado di sicurezza di ottenere risultati a lungo termine.

Restrizione calorica: Digiuno intermittente

È stato dimostrato che gli effetti del digiuno intermittente migliorano in tutte queste aree:

Il gruppo a digiuno intermittente in questo studio ha perso un po' di peso nel corso di 12 settimane, mentre il gruppo di controllo con tre pasti al giorno non ha perso peso in modo statisticamente significativo. Questo studio non ha non ha riscontrato un effetto significativo sui marcatori di rischio metabolico. (27) 

Quello che sappiamo da tempo sull'alimentazione a restrizione temporale (digiuno intermittente) è che non induce una grande perdita di peso in coloro che non riducono anche l'apporto calorico complessivo.

La maggior parte delle prove pubblicate sostiene i benefici del digiuno intermittente, tra cui il miglioramento dei marcatori glicemici come l'insulina a digiuno, che se elevata può ostacolare la perdita di peso. (28-30) 

È stato dimostrato che un cocktail dei seguenti nutrienti imita la restrizione calorica:

Per ottenere ulteriori risultati di miglioramento della longevità, è possibile assumere contemporaneamente sia il cocktail di integratori con il digiuno intermittente quotidiano.

Uno studio del 2019 è stato progettato per esaminare gli effetti del digiuno intermittente sulla perdita di peso e sui marcatori di rischio metabolico.

Il digiuno intermittente richiede un tipo di corpo e un metabolismo particolari. Pertanto, per coloro che non hanno voglia di digiunare per 14-18 ore al giorno, esistono altre opzioni che contribuiscono ad ottenere un effetto simile sull'organismo e che prevedono solo l'uso di integratori.

Quindi, grazie ai risultati di un recente studio, possiamo dirvi che esiste un mix di sostanze nutritive che, assunte insieme, hanno lo stesso effetto della restrizione calorica.

Le meravigliose proprietà del tè verde per la perdita di peso

Il tè verde è ricco di polifenoli ed è ben noto per i suoi effetti antinfiammatori. (31,32)  

Meta-analisi e revisioni di studi randomizzati e controllati indicano che l'estratto di tè verde può avere un piccolo impatto positivo sul peso corporeo e sulla massa grassa negli adulti in sovrappeso e obesi. (33-36)  

I risultati migliori sono stati riportati per coloro che hanno assunto estratti di tè verde per almeno 12 settimane. (34) 

Riduzione dei livelli di glucosio e della lipogenesi indotta dall'insulina

Ridurre i trigliceridi degli adipociti e l'enzima glucosio-3-fato deidrogenasi, per contribuire a inibire la conversione del glicerolo in trigliceridi.

Ridurre il legame della molecola infiammatoria immuno-mediata (CRP) con la leptina, riducendo così la resistenza alla leptina.

Sonno e perdita di peso 

Dormire a sufficienza è un'idea promettente. La ricerca sull'uomo mette in relazione la perdita di sonno con l'aumento di peso. Una buona abitudine da prendere quest'anno è quindi quella di attuare un regime di sonno efficiente.

Parliamo delle vostre abitudini di sonno. Uno studio pubblicato nel 2014 ha analizzato le abitudini di sonno e l'incidenza dell'obesità in trentadue anni a partire dal 1977. Tenendo presente che la tecnologia di cui disponiamo oggi, che influisce negativamente sul nostro ciclo del sonno non era presente quando è iniziato questo studio.

Il tempo trascorso davanti agli schermi, soprattutto a tarda notte, era nettamente inferiore a quello attuale. (39) L'analisi dei dati ha mostrato che, rispetto a chi dorme dalle sette alle otto ore, chi ha un sonno molto breve ha il 30% in più di probabilità di essere in sovrappeso o il doppio di essere obeso.

Allo stesso modo, chi dorme poco (5-6 ore) ha il 20% in più di probabilità di essere in sovrappeso o il 57% in più di essere obeso (chi dorme a lungo ha il 20% in più di probabilità di essere obeso, ma non di essere in sovrappeso).

I risultati non sono sorprendenti. La prevalenza del sonno breve e molto breve è aumentata gradualmente negli ultimi decenni. Gli autori dello studio hanno concluso che: "Il sonno inadeguato è stato associato al sovrappeso e all'obesità per ogni anno disponibile".

Inoltre, per quanto riguarda il sonno e la perdita di peso, è forte il legame tra la fame il giorno successivo a un sonno inadeguato e non ristoratore. Ora possiamo dire, sulla base di prove epidemiologiche, che esistono legami tra la perdita di sonno e l'obesità.. (40) 

Uno studio epidemiologico ha rilevato che gli adulti anziani che dormono meno di cinque ore a notte hanno un rischio maggiore di diventare obesi di circa il 40% rispetto a quelli che dormono sette-otto ore a notte. (41) 

Una causa di fondo è rappresentata dai cambiamenti nell'attività cerebrale che aumentano il desiderio di cibi ad alto contenuto calorico, causando a loro volta un aumento di peso.

Altri fattori che hanno dimostrato di collegare l'aumento di peso alla privazione del sonno sono l'aumento di ormoni come la grelina, che stimola la fame, e la diminuzione della leptina, che sopprime l'appetito. (42)

Come migliorare la qualità del sonno con gli integratori

Risultati coerenti di studi sull'uomo confermano il ruolo dell'ashwagandha standardizzata nel favorire un sonno più riposante. I componenti attivi principali dell'ashwagandha sono i withanolidi. Dosi di ashwagandha forniscono fino a 30 mg di withanolidi.. (43-46) 

Il quarto studio ha utilizzato un estratto di ashwagandha a più alta concentrazione che ha fornito 42 mg di withanolidi in una dose notturna. (45)

Il trucco è di non aspettarsi risultati immediati, dato che lo studio pubblicato nel luglio 2020 che mostrava la perdita di peso in risposta all'acido R-lipoico è durato circa 5 mesi e mezzo.

L'opzione migliore quando si fa un proposito per il nuovo anno è quella di tagliare alcune calorie in eccesso, aumentare l'attività fisica e prendere in considerazione una forma di alimentazione limitata nel tempo per ottenere potenziali benefici salvavita.

La gestione delle aspettative di perdita di peso consentirà a un maggior numero di persone di attenersi a un programma che potrebbe aggiungere molti anni di salute.


Qui trovi i riferimenti >>